Mister York, la tigre di Lavagno


1 min read

Ciao Mister, come stai vivendo questo periodo?

Buongiorno! Questo periodo è veramente molto difficile, ma purtroppo dobbiamo accettare questa situazione: ne va della nostra vita

Ti mancano i tuoi ragazzi? 

Moltissimo, ci siamo lasciati quasi senza un saluto.

Vi sentite?

Ogni tanto faccio chiamate a sorpresa e i genitori mi aiutano a sentirli. 

Cosa ti manca di più? La partita o ti mancano di più gli allenamenti?

Mi mancano gli allenamenti perchè mi piace insegnare ciò che ho imparato del calcio. A questi ragazzi serve molto la tecnica, cerco loro di insegnare gli elementi che ritengo fondamentali: lo smarcamento, la ricezione, il controllo e la difesa della palla, il passaggio, la finta ed il dribbling, tiro in porta. E’ bellissimo vederli dimostrare in partita ciò che hanno imparato....

Come sei arrivato a San Zeno?

Ho iniziato a sentirmi “Mister” da quando in giardino mio figlio mi chiedeva di allenarlo. Ho notato che riuscivo a dargli qualcosa per farlo crescere. L’ho iscritto alla scuola calcio e mi fermavo ad assistere agli allenamenti. Poi un giorno il Presidente di allora mi chiamò e mi disse: mi serve il tuo aiuto! Ho iniziato prima con i corsi di allenatore e poi sul campo con pazienza.

Sentivo che mi sarebbe piaciuto allenare anche quando ero ancora in attività come giocatore. Giocavo in Eccellenza nei primi anni 2000, dove sono stato anche capo capocannoniere della squadra. Poi sono andato a Cento in serie D, ma ho avuto problemi fisici tutto l'anno. L’anno seguente mi sono fatto male al ginocchio sinistro, crociati anteriore rotto e fine della carriera, purtroppo. 

Il mio inizio al San Zeno: sono stato contattato da un dirigente al termine della mia esperienza con La Vetta ... Alla fine del campionato dovevo decidere se continuare a Domegliara o avvicinarmi a casa, il San Zeno mi ha fatto una bella proposta ed ora sono qui. La società e fantastica... 

A chi si ispira il tuo credo calcistico?

Mi sono sempre ispirato a Ronaldo il Fenomeno. E’ veramente il giocatore più completo di tutti i tempi.

Ma qual è il tuo progetto, la tua idea, di calcio giovanile?

Il mio progetto è aiutare i giovani futuri calciatori a crescere veramente come uomini e come sportivi, facendo leva sulla moralità ed il senso di responsabilità di ognuno di loro. 

Il  futuro del calcio come lo vedi?

Spero che passi in fretta questo periodo, comunque sono molto fiducioso che il calcio giovanile tornerà presto alla normalità. 

Come sei caratterialmente? 

La mia personalità... hmmm è molto difficile descrivere sé stessi. Solo sul campo sono molto irruento, ma allo stesso tempo buono. Lascio a voi dirigenti descrivermi. 

Chiudiamo con un tuo personale augurio, ti va?

Auguro pace a tutte le anime cadute per il COVID-19: che Dio onnipotente accolga le loro anime in paradiso. Auguro ogni bene all'umanità.

Grazie York !

Comments
* The email will not be published on the website.